AREA PRIVATI
AREA BUSINESS
INFORMAZIONI
blog-art-3-600x600

21 Set Chanel n° 5, tra mito e leggenda

Il profumo più conosciuto e discusso che la storia del profumo ricordi è senz’altro Chanel n° 5. Amato dalle dive fin dagli anni del suo esordio è stato  immortalato in campagne e video pubblicitari divenuti leggendari. Diverse le testimonial che nel corso degli anni lo hanno rappresentato ed interpretato: Marilyn Monroe con la sua celebre frase, Catherine Deneuve, Vanessa Paradis e poi ancora Nicole Kidman, Gisele Bundchen, fino all’ultima attesissima campagna che vede protagonista Lily-Rose Deep.

Dati attendibili parlano di oltre 80 milioni di flaconi venduti nel mondo dall’inizio della sua produzione, cominciata nel 1921, con un fatturato che ancora oggi sfiora i 100 milioni di euro l’anno.

A differenza dei profumi dell’epoca per cui veniva utilizzato un solo fiore, per Chanel n° 5 fu creato un bouquet provocante, dove oltre alla rosa vennero utilizzati il muschio e il gelsomino, odori generalmente attribuiti a cortigiane e prostitute.

Ma la sua vera innovazione risiedeva nel fatto che fu uno dei primi profumi ottenuti miscelando sia essenze naturali, principalmente gelsomino e rosa appunto, che una essenza sintetica, un’aldeide all’aroma di arancia che servì a conferire al profumo una prolungata persistenza. Oltre naturalmente all’utilizzo di qualche altro ingrediente segreto tutt’ora tenuto gelosamente nascosto.

All’epoca di Chanel n° 5 i profumi più alla moda erano tutti molto dolci, ottenuti con essenze esclusivamente naturali a base di mughetto, rosa ed altre materie prime che scomparivano dopo poco tempo. Mademoiselle Coco volle creare qualcosa di diverso, di più femminile, ma allo stesso tempo più deciso e con più carattere, abbandonando ogni forma di romanticismo convenzionale dell’epoca. Quasi a voler trasferire nel profumo tratti riconoscibili della sua forte personalità.

L’anno di nascita di Chanel n°5 fu probabilmente il 1921. Sulla scelta del nome ci sono molte leggende, come quella che racconta che fu la quinta boccetta di profumo creata dal chimico Ernst Beaux, al quale era stata commissionata la creazione del profumo a far innamorare Coco al punto da chiamare il suo profumo n°5. Più attendibile è invece un’altra versione, quella che fa risalire la scelta del nome del profumo ad una ragione scaramantica, in quanto il  5 era un numero molto importante per Coco, dato che la sua prima collezione fu lanciata appunto il 5 maggio, quinto mese dell’anno. Nulla di più probabile è anche il fatto che Ernst Beaux avesse creato e proposto a Madamoiselle Coco almeno 24 fragranze tra cui scegliere. E chissà che non sia stata davvero la quinta boccetta!

Ad ogni modo il suo fu un gesto scaramantico che, la storia ne è testimone, portò un’immensa fortuna al profumo, la cui fragranza è rimasta immutata fino ai nostri giorni.

Chanel n° 5 è stato il profumo più venduto della storia fino al 2011, quando pare che le vendite siano state superate da un altro profumo ormai leggenda che è J’Adore della Maison Dior.

Rimane a tutt’oggi un profumo icona che ha attraversato il millennio e che è sempre annoverato nelle classifiche dei profumi più venduti e amati dalle donne di tutto il mondo.

 

No Comments

Post A Comment